NDFP Expresses Firm Solidarity with COMRADE ROSALBA ROMANO, the Editorial Board of Democratic Vigilance and CARC Comrades

National Democratic Front of the Philippines
NATIONAL EXECUTIVE COMMITTEE
February 12, 2018

The National Democratic Front of the Philippines expresses its firm solidarity with Comrade ROSALBA ROMANO, the Board of Editors of Democratic Vigilance and CARC comrades who are being put on trial at the Court of Milan. They are falsely accused of “defamation” when all they have been doing is fighting against impunity and abuses of law enforcement. They rightflly demand that torture be officially declared a crime.

They strongly call for the dismantling of the Bologna VII Mobile Department of the Police which is responsible for indiscriminate violence against citizens. One stark example is the beating up of Paolo Scaroni, a member of a Football Club in 2005. As a result of their brutality, Paolo Scaroni has been made a criple for life.

The NDFP joins the Italian militants in Naples and many cities and other parts of Italy who are campaigning for Comrade ROSALBA ROMANO, the Editorial Board of Democratic Vigilance and CARC comrades. Their campaigns are for truth and justice. They bring out the links between the repressive police departments to the electoral campaign against immigrants in Italy.

The NDFP and the Filipino people who are waging a revolutionary struggle for national and social liberation stand in strong solidarity with the Italian people.

Victory to the valiant struggle of Comrade Rosalba Romano, the Editorial Board of Democratic Vigilance and the CARC militants!

Down with the repressive Police Departmentsin Italy that commit impunity and abuses against the people!

Long live the just struggle for truth and justice of the Italian people!

Luis G. Jalandoni

NDFP Renders High Honors to FQS Activist, Benedicto Solang of the Cordillera

“How now do we, once-upon-a-time FQS activists, measure in the lifetime challenge of nurturing the FQS fire to always keep it burning? And how do we pass it on burning even brighter to the youth of today and the younger generations?” so wrote Benedicto Solang in his book Dap-ay Discourse Uno: Activist Perspective of Cordillera History and Social Change.

FQS activist, Benedicto Solang died suddenly on January 26, 2018, while attending a conference at the Bantayog ng mga Bayani in Quezon City. His sudden death occurred on the 48th anniversary of the historic First Quarter Storm.

Benedict Solang, an Elder in the Advisosry Council of the Cordillera People’s Alliance was an activist for genuine people’s development and indigenous people’s rights, for national democracy and socialism, and a world without discrimination.

He was an AB Graduate of Anthropology and Masters in Environmental Planning at UP Diliman.

Today, the Filipino youth are called to nurture the FQS fire to always keep it burning and keep it burning even brighter, as Ka Ben Solang so eloquently states in his book, Dap-ay Discourse Uno.

As an activist for genuine people’s development and indigenous people’s rights, his expertise would definitely have served the program for social and economic reforms of the National Democratic Front of the Philippines. The NDFP Draft for the Comprehensive Agreement on Social and Economic Reforms (CASER) is about to be publicly launched on February 8, 2018. The contribution of Ka Ben Solang would have been most relevant.

As an activist for national democracy and socialism, his commitment and talents have served the Filipino people’s struggle for genuine democracy and independence. His striving for a world without discrimination has contributed to the people’s struggle for a just and lasting peace.

The NDFP mourns Ka Benedict Solang’s sudden death. We convey our heartfelt condolences to his family, relatives, kasama, fellow FQS activists, and the Cordillera people.

Long live the inspiring legacy of FQS activist Ka Ben Solang!

Long live the People’s Democratic Revolution!

Luis G. Jalandoni
Member, National Executive Committee
National Democratic Front of the Philippnes

RED SALUTE TO KASAMA PETRONILA CLETO

(October 18,1945 – January 11, 2018)

Makibaka, a revolutionary women’s organization and allied member of the National Democratic Front of the Philippines gives a Red Salute to Kasama Petronila Cleto and pays tribute to a revolutionary woman, defender of human rights, journalist, writer, editor and organizer.

Makibaka extends condolences to Pet’s daughter, Cynthia, to her family, relatives and to the numerous kasama who regarded her as the Tita ng Bayan.

Pet, as we all called her, passed away last January 11, 2018, in a Toronto hospital, after a short illness. Her sudden passing shocked everyone, as just before her illness, she was still up and about, doing her numerous revolutionary tasks.

I met Pet years ago, in one of my trips to Canada. She impressed me with her quiet strengh, ready smile, and helpfullness.

As I got to know Pet, my admiration for her grew.

She was passionate about women’s issues, and as a woman activist, was one of the organizers and active members of Gabriela Ontario.

In the 1980’s, Pet was one of the founders of Gabriela Philippines, Women for the Ouster of Marcos and Boycott (WOMB), Concerned Mothers League and the first Philippine women’s political party, KAIBA. She helped establish the Women’s Crisis Centre in 1989 and was a member of it’s board and staff.

She went on self-exile to Canada where she continued her activism and used her skill in writing to organize and inform the Canadian people about what was happening in the Philippines.

She edited two volumes of AKDAAN Literary Anthology, compiling the works of Filipino writers in exile. She was already working on the third volume, and, was planning on writing a novel.

I was in Montreal when she went there to promote the first volume of AKDAAN. I was amazed that, inspite of all her political work, and all her other activities, she had the time, patience and dedication to work on the anthology.

In Canada, she was invited to join the Writers in Exile Network of PEN Canada.

She invited me on several occasions to go to Canada to meet and speak to Filipino-Canadian women and men. I always appreciated the invitations and learned much from my trips there.

The last time I saw Pet was on TV Migrante, when she and Louie Queano interviewed Professor Jose Maria Sison. She was a pro at hosting the show. This was a few days before she passed away.

We will all miss Pet. We will miss her smile, her warmheartedness, her energy and most of all, her dedication to the struggle of the Filipino people, especially the women’s struggles.

And it is with great hope that the example of her life of commitment to the National Democratic Struggle of the Filipino people, will inspire many young women and men to follow in her footsteps.

Mabuhay ang diwa ni Kasama Pet!

Coni Ledesma
Makibaka International Representative
12 January 2018

Tribute to Veteran Journalist Rolando “Rolly” Espina

National Democratic Front of the Philippines
National Executive Committee

The National Democratic Front of the Philippines renders high tribute to veteran journalist ROLANDO “ROLLY” ESPINA, who passed away peacefully on December 28, 2017. We convey our heartfelt condolences to his eleven children, 23 grandchildren, five great grandchildren, colleagues and numerous friends.

Upon his death, his daughter, herself a well-known journalist and former president of the National Union of Journalists of the Philippines (NUJP) said in touching tribute: “Thank you for THE GIFT OF YOU!”

From his journalist son, Nonoy, we learn that he covered the march of the Lapiang Malaya which was attacked by government troopers. Rolly Espina dragged wounded some victims to safety and his pediatician wife, Lourdes “Nene” Llavore administerd first aid.

Rolly Espina was a journalist for more than 50 years. He was with the pre-martial law Chronicle, bureau chief of the Philippine News Agency, and correspondent of various wire service and foreign periodicals. He was also an editor with the Philippine Daily Inquirer and later the Philippine Star.

Of great importance for the NDFP, is the fact that he was twice the Vice-President of the National Press Club together with his close friend, during the dual term of the NPC President Antonio Zumel. Zumel would later be the first Chairperson of the National Democratic Front of the Philippines and hailed as a revolutionary leader of the Filipino people.

After the Ampatuan massacre of 32 media persons, Rolly joined marches advocating press freedom.

He was also a noted civic leader, the recipient of several awards in recognition of his professional and civic accomplishments, including the Banwahanon Award.

His family, colleagues and friends gave a moving farewell to him. Among his children, those who have followed in his footsteps and have become outstanding journalists are Inday Espina-Varona and Nonoy Espina.

May the noble legacy and memory of ROLANDO “ROLLY” ESPINA be a model for other media people and a continuing inspiration to them and the Filipino people.

Luis G. Jalandoni
Member, National Executive Committee
National Democratic Front of the Philippines

Unire il popolo filippino per resistere e rovesciare il regime fascista USA-Duterte

Comitato centrale
Partito comunista delle Filippine

26 dicembre 2017

Il Comitato Centrale del Partito Comunista delle Filippine trasmette i suoi più calorosi saluti al popolo filippino e all’intero gruppo del PCC in occasione del 49 ° anniversario del ristabilimento del Partito sulla base teorica del marxismo-leninismo-maoismo e del generale politico linea di rivoluzione democratica popolare attraverso la guerra popolare.

Salutiamo tutti i quadri e i membri del Partito per rafforzare il Partito ideologicamente, politicamente e organizzativamente, per condurre con successo l’esercito del Nuovo Popolo nel far avanzare la guerra popolare, per allargare il Fronte Nazionale Democratico, le organizzazioni di massa rivoluzionarie e gli organi locali del potere politico, e per far marciare costantemente alla testa delle vaste masse popolari nella lotta per un’autentica indipendenza nazionale e la democrazia contro il dominio reazionario dei grandi compradori e proprietari terrieri asserviti all’imperialismo USA.

Noi paghiamo i più alti onori a tutti gli eroi e i martiri che hanno fatto il massimo sacrificio per far avanzare la causa della rivoluzione democratica nazionale. Riconosciamo anche i contributi di tanti quadri e membri veterani che continuano a dedicare le loro vite alla lotta rivoluzionaria popolare.

Il popolo filippino si trova di fronte alla tirannia fascista del regime di Duterte, alla guerra a tutto campo e alla spinta estrema verso una dittatura fascista sotto le spoglie di un finto sistema federale. Duterte ei suoi servitori militaristi sono decisi a scatenare l’intero peso del terrorismo di stato per distruggere le forze rivoluzionarie e progressiste del popolo e ogni resistenza al suo brutale burattino e al governo reazionario.

Il Partito e le forze rivoluzionarie sono decisi a resistere e sconfiggere i peggiori assalti fascisti di Duterte attraverso la guerra popolare, la mobilitazione a tutto campo delle masse sfruttate e oppresse e costruendo il fronte unito più ampio possibile di tutte le forze e gli elementi patriottici, democratici e positivi. Il Partito e le forze rivoluzionarie sono ottimisti sul fatto che con una lotta ardua e un duro lavoro implacabile, possono superare la furia fascista di Duterte e accumulare la forza a tutto tondo necessaria per rovesciare il suo governo fantoccio fascista e far avanzare la guerra del popolo rivoluzionario a un livello nuovo e più alto.

Non vediamo l’ora di celebrare il 50 ° anniversario del Partito l’anno prossimo con vittorie ancora più grandi e più importanti nei campi ideologico, politico e organizzativo. Cogliamo l’occasione per guardare indietro alla storia del Partito e celebrare l’eroica e infaticabile lotta del Partito come un modo per guardare avanti e tracciare il percorso futuro delle rivoluzioni nazionali democratiche e socialiste nel Paese.

Il popolo filippino sta soffrendo gravemente per la tirannia fascista del regime di Duterte, per la liberalizzazione economica totale e per la corruzione burocratica. L’intero Partito e tutte le forze rivoluzionarie devono compiere sforzi energici per unire il popolo filippino in un ampio fronte unito per resistere e rovesciare il regime fascista di Duterte come hanno fatto con la dittatura di Marcos e il regime di Estrada.

I. Costruisci il più ampio fronte unito per rovesciare il regime degli Stati Uniti-Duterte e il suo dominio sul terrore fascista

Il popolo filippino ritiene il regime degli Stati Uniti-Duterte responsabile di gravi violazioni dei diritti umani e di altri crimini attraverso l’uso del terrorismo di stato, l’imposizione della legge marziale a Mindanao e l’ordine dei militari di “appiattire le colline” a scatenare una guerra a tutto campo.

Il regime ha scatenato un’ondata di omicidi di massa con la cosiddetta guerra contro la droga con una stima di 13.000 uccisi in un solo anno, superando il numero di omicidi sotto la dittatura di Marcos durata 14 anni. Ha portato a termine il brutale assedio di Marawi, che è stato martellata dai bombardamenti aerei diretti dagli Stati Uniti e dall’artiglieria pesante e che ha causato la massiccia perdita di vite umane, abitazioni e infrastrutture civili.

Altresì, il regime porta avanti attacchi contro le masse lavoratrici di contadini e lavoratori, nonché contro il Bangsamoro, il Lumad, la Cordigliera e altre minoranze nazionali. Vi sono crescenti casi di uccisioni, massacri, arresti illegali e torture. Vi sono indizi inequivocabili che gli squadroni della morte di Duterte sono diventati più grandi e sono stati schierati a livello nazionale e incorporati all’interno delle organizzazioni di polizia e militari.

Il regime sottopone le comunità civili nelle campagne all’occupazione armata, ai blocchi alimentari, ai coprifuochi imposti dalle forze armate e ad altre forme di controllo della popolazione e delle risorse, nonché alla sorveglianza dei droni, ai bombardamenti aerei e ai bombardamenti. Le scuole della comunità rurale e altre iniziative socio-economiche sono etichettate e attaccate dai militari. Circa mezzo milione di persone sono state costrette a lasciare le proprie case a causa delle operazioni dell’AFP.

Il regime di Duterte ha imposto la sua forza armata sul popolo di Bangsamoro attraverso l’assedio Marawi e il continuo dispiegamento di un gran numero di truppe fasciste per portare a termine la soppressione armata della resistenza di Moro. In tal modo, Duterte vuole che tutti i gruppi Moro si sottomettano alla sua ‘Basic Law’ Bangsamoro o al suo piano di un governo pseudo-federale.

Il regime di Duterte è completamente screditato per la sua incapacità di adempiere alla sua promessa di risolvere il problema della droga illegale entro i primi sei mesi. Peggio ancora, è stato dimostrato che i suoi parenti (tra cui il figlio Paulo e il genero Carpio) e gli associati sono coinvolti nel contrabbando e nella distribuzione di droghe illegali.

Duterte pubblicò la Proclamazione n. 360 che interrompeva i negoziati di pace con il Fronte nazionale democratico delle Filippine (NDFP) e quindi, respingendo ulteriori sforzi sotto il suo governo verso una soluzione negoziata alla lunga guerra civile. Successivamente ha emesso la Proclamazione n. 374 per vietare il CPP e l’NPA come organizzazioni terroristiche ai sensi della legge RA 10168 (Legge sul finanziamento e la prevenzione del finanziamento del terrorismo del 2012). Duterte ha volontariamente e malignamente seguito l’esempio degli imperialisti statunitensi che da tempo hanno fatto uso di includere il CPP-NPA nella sua “lista del terrore” per giustificare ulteriormente l’intervento militare nelle Filippine.

Il ricorso all’etichettatura del terrore è un tentativo futile di screditare e attaccare le forze rivoluzionarie del popolo filippino e la loro aspirazione secolare alla libertà nazionale e alla giustizia sociale. Ha anche lo scopo di coprire il terrorismo sponsorizzato dallo stato scatenando il caos sulla vita e il sostentamento della gente. Stabilisce il terreno per una spietata repressione contro le forze democratiche e progressiste legali. È anche una minaccia palese contro tutte le forze che sono solidali con il Partito e il governo rivoluzionario popolare o sono deferenti alla sua autorità.

Gli attacchi viziosi di Duterte contro il Partito e le forze democratiche nazionali mirano a consolidare il sostegno del governo USA e dell’AFP per il suo dominio tirannico. Serve le sue ambizioni di uomo forte di stabilire una dittatura fascista.

Duterte perpetua e pratica la corruzione facendo uso di fondi pubblici per consolidare il suo dominio e monopolizzare il potere politico. La Camera dei Rappresentanti è un vero e proprio timbro di gomma con la super maggioranza di Duterte. Il Senato non è molto migliore nell’esercizio dell’indipendenza o nel suo ruolo molto pubblicizzato come “fiscalizzatore”. Ha minacciato il capo del tribunale con l’impeachment per convincerlo a mantenere la corte suprema in linea.

Sono in programma piani per la revisione e il soppiantamento della costituzione del 1987 l’anno prossimo attraverso un’assemblea costituente per stabilire una forma di governo pseudo-federale dove Duterte siederà sopra e al centro. I criminali più detestati e le dinastie politiche, così come i politici altamente screditati (Arroyos, Marcos, Estradas e simili) non vedono l’ora di essere installati come ministri o ufficiali del progetto del governo federale di Duterte.

Duterte si è esposto a fondo come un dirigente tirannico del sistema oppressivo e sfruttatore semicoloniale e semifeudale. Non è sostanzialmente diverso dai precedenti governanti fantoccio reazionario, e in un certo senso si è dimostrato molto peggiore soprattutto in termini di uso sfacciato del terrore fascista e di grave disprezzo per i diritti umani.

Le sue politiche sono impostate sulla completa liberalizzazione dell’economia secondo l’imposizione imperialista USA. Egli infatti prevede di trarre vantaggio dalla rottamazione della costituzione del 1987 per spingere alla completa rimozione delle disposizioni costituzionali che proteggono la sovranità economica, il patrimonio nazionale e gli imprenditori filippini.

Ha istituito una nuova legge fiscale che mira ad aumentare le entrate del governo di 600 miliardi di PHP imponendo un onere fiscale più pesante a operai e contadini attraverso l’aumento delle accise sulle bevande zuccherate, gas di petrolio liquefatto (GPL), diesel, cherosene, benzina e altri prodotti petroliferi, carbone e altri beni e servizi di consumo. Questo è destinato a causare un ulteriore impoverimento delle masse lavoratrici mentre il costo della vita sale a spirale e i salari reali precipitano.

La dichiarazione di Duterte per la libera distribuzione della terra era un mero servizio. Ci sono ora un numero crescente di casi di conversione dell’uso del suolo in cui i contadini sono sfrattati dalle loro terre a favore di progetti immobiliari e di ecoturismo e l’espansione delle piantagioni aziendali. A decine di migliaia di contadini viene negato il controllo della propria terra tramite accordi di venture business con grandi proprietari di piantagioni capitaliste.

Il regime di Duterte ha perpetuato la politica di privatizzazione in base alla quale il popolo continua a soffrire per il deterioramento della salute pubblica, l’istruzione e i trasporti, i costi delle comunicazioni a spirale, trasporto pubblico, acqua, elettricità e altre utilità. La tanto lodata legge sulle tasse universitarie è minacciata da tagli di budget alle università statali e alle università.

Il regime di Duterte sta aumentando le allocazioni per i militari per finanziare la formazione di almeno altri dieci battaglioni di truppe da combattimento e l’acquisto di nuove armi. Oltre alle assegnazioni definitive al dipartimento della difesa, l’Ufficio del Presidente controlla miliardi di pesos di fondi discrezionali e di intelligence utilizzati preferenzialmente per l’esercito a spese di bisogni più elementari delle persone.

Il popolo filippino aborrisce il regime di Duterte per le sue false promesse di riforma e totale disprezzo delle masse lavoratrici, per la sua sottomissione agli imperialisti USA dopo false pretese patriottiche, per aver denunciato la corruzione ma usando fondi pubblici per allineare le tasche dei suoi lealisti estendere i privilegi agli oligarchi favoriti e perpetrare una campagna di morte e distruzione nel totale disprezzo dei diritti umani.

Il popolo filippino, quindi, chiede la fine del regime fascista, burattino e corrotto di Duterte. Il popolo ha il diritto sovrano di resistere e rovesciare un regime oppressivo e tirannico. Sono pienamente giustificati a esercitare questo diritto come hanno fatto per sbarazzarsi dei regimi di Marcos e Estrada.

Le dimostrazioni vengono montate più frequentemente, comprese quelle di Lumad, Bangsamoro, Cordillera e di altre minoranze nazionali che espongono abusi militari. C’è un crescente movimento contadino per occupare e coltivare terre oziose. Le lotte di massa sono state condotte da lavoratori, senzatetto, guidatori di jeepney, studenti e altri settori. I piani e le manovre di Duterte per stabilire una dittatura fascista sono stati accolti con crescenti manifestazioni di massa negli ultimi mesi. Queste sono prove generali per le più grandi manifestazioni di protesta a venire.

II. La tirannia fascista di Duterte dà alle persone una ragione in più per condurre la rivoluzione democratica nazionale

La tirannia fascista spietata e la liberalizzazione economica a tutto campo sotto il regime USA-Duterte danno al popolo filippino una ragione in più per condurre una rivoluzione democratica nazionale con una prospettiva socialista. Le politiche antipopolari e pro-imperialiste del regime di Duterte esacerbano l’oppressione e lo sfruttamento delle masse lavoratrici sotto il sistema semicoloniale e semifeudale.

Questo sistema è caratterizzato dalla completa mancanza di libertà nazionale, arretratezza economica, forme sempre peggiori di sfruttamento e oppressione e corruzione burocratica omni-pervasiva sotto il dominio di classi reazionarie di grandi compradori e proprietari terrieri. Tutte le peggiori sfaccettature del sistema semicoloniale e semifeudale si sono deteriorate nel corso di oltre 70 anni.

La generazione su generazione di filippini soffre di umiliazioni nazionali e di indegnità inflitte dagli imperialisti USA. Calpestano la sovranità filippina e impediscono al paese di raggiungere un’autentica indipendenza nazionale e lo sviluppo economico. Il paese è fatto per sopportare trattati ineguali che conferiscono ai diritti militari extraterritoriali degli Stati Uniti sul suolo filippino, un grave insulto contro ogni filippino amante della libertà.

Il paese è stato condannato a servire come fonte di risorse naturali e umane a basso costo. L’economia locale è arretrata, agricola e non industriale e dipende dalle merci importate. Centinaia di migliaia di ettari di terra sono controllati da grandi piantagioni dedicate all’ananas, alla banana, alla palma da olio e ad altre colture per l’esportazione. Milioni di ettari di terra restano nelle mani dei grandi proprietari terrieri che si affidano allo sfruttamento feudale e semifeudale dei contadini e dei lavoratori agricoli e dove la produzione rimane in gran parte su piccola scala e arretrata. Alle persone filippine viene negato il diritto di utilizzare le risorse minerarie del paese per l’industrializzazione e la produzione interna, che vengono estratte e portate via dalle compagnie minerarie straniere.

Ciò che esiste nella produzione locale è semplicemente la semi-lavorazione e l’assemblaggio di componenti importati che servono come appendice della catena di produzione internazionale di grandi società straniere. Non esiste una base industriale di cui parlare e tanto meno una produzione industriale che risponde alle esigenze dell’economia domestica.

La produttività economica è in declino generale e ad un ritmo sempre più rapido dagli anni ’80. Il declino della produzione e della produttività agricola ha reso l’economia sempre dipendente dalle importazioni di beni di consumo stranieri, che a loro volta ostacolano la produzione interna.

I tassi di disoccupazione e sottoccupazione continuano a salire nonostante gli sforzi per ridurre il numero attraverso trucchi statistici. La grave carenza di posti di lavoro disponibili costringe migliaia di filippini a lasciare il paese ogni giorno per cercare lavoro all’estero, dove molti soffrono di condizioni simili alla schiavitù e gravi forme di abuso.

Sotto il sistema semicoloniale e semifeudale, il popolo filippino soffre sempre più da mancanza di terra, disoccupazione, salari di schiavi, aumento dei costi della vita, povertà diffusa, fame, malattie e un generale deterioramento delle condizioni socio-economiche.

Decennio dopo decennio, le condizioni prevalenti della grande maggioranza dei filippini sono decadute. Il popolo filippino è fortemente motivato a condurre una rivoluzione democratica nazionale perché cerca di porre fine alla sua dolorosa sofferenza. Traendo ispirazione dalla resistenza anticoloniale dei loro antenati, il popolo filippino è determinato a raggiungere la liberazione nazionale o la completa libertà di determinare il destino del paese indipendente dai dettami imperialisti USA e verso il socialismo.

La rivoluzione democratica nazionale mira a raggiungere la liberazione sociale e la libertà economica. Ha l’obiettivo di attuare la riforma agraria per affrontare la principale richiesta democratica dei contadini, che costituiscono la più grande classe economica del paese. Non c’è stata una vera riforma agraria nelle Filippine da oltre 100 anni sotto il dominio coloniale e neocoloniale degli Stati Uniti. Mentre, dopo l’instaurazione di un governo democratico popolare, la riforma agraria nelle Filippine può essere completata in un paio d’anni.

Combinata con la riforma agraria, la rivoluzione democratica nazionale mira a portare avanti l’industrializzazione nazionale per modernizzare l’economia e aumentare la produttività nazionale per consentirle di fornire cibo, acqua, vestiti, riparo, medicine e altri beni di prima necessità, oltre a rispondere ai bisogni delle persone per l’energia, i trasporti, le comunicazioni e l’elevazione culturale. La bozza del NDFP dell’accordo globale sulle riforme socio-economiche (CASER) fornisce una tabella di marcia dettagliata di tale piano.

La rivoluzione democratica nazionale mira a stabilire una democrazia popolare e porre fine al sistema politico marcio delle classi reazionarie e al suo sistema di élite di partiti politici dominati da dinastie di classe dirigente e signori della guerra. Le persone aspirano a stabilire un governo democratico popolare. È essenzialmente un governo fronte unito o una coalizione di classi democratiche come lavoratori, contadini, media e piccola borghesia. È sotto la guida della classe operaia e ha l’NPA come principale forza armata. Difende e difende i diritti civili, politici, economici e culturali della gente.

I semi del governo democratico popolare sono stati a lungo piantati e stanno spuntando sotto forma di comitati popolari nelle zone rurali dal livello del villaggio fino al livello comunale. Un numero crescente di questi comitati è stato eletto dalle assemblee popolari.

III. Il Partito e la rivoluzione democratica popolare continuano ad accumulare forza

Per quasi cinquant’anni, il Partito comunista delle Filippine ha perseverato nel guidare il popolo filippino nel condurre una rivoluzione democratica popolare attraverso la guerra popolare prolungata al suo inizio, alla sua crescita e al suo progresso. Ha fatto passi da gigante e ha accumulato vittorie molto significative. Ha superato i continui attacchi controrivoluzionari da parte delle classi reazionarie locali con l’appoggio del potere imperialista più potente del mondo.

Il Partito ha accumulato un tesoro di preziose esperienze e lezioni sia positive che negative negli ultimi 49 anni che dovremmo utilizzare pienamente e saggiamente per far avanzare vigorosamente la lotta armata a un livello nuovo e più alto. Ora ha una comprensione molto più solida delle caratteristiche e dei requisiti specifici di ogni regione e delle interrelazioni tra regioni e isole maggiori nel combattere e sconfiggere ogni offensiva armata controrivoluzionaria lanciata dal nemico. I quadri dei partiti dovrebbero essere bravi a imparare dalle proprie esperienze e dalle esperienze più avanzate da altri fronti, unità e regioni. Continuiamo a cercare lezioni dalla lunga storia della lotta rivoluzionaria del popolo filippino e dalle rivoluzioni di successo, specialmente in Cina e Vietnam.

Adattando la strategia della guerra popolare prolungata alle condizioni locali e alle particolarità di un paese arcipelagico, il Partito ha sviluppato autonomamente il New People’s Army da zero nel 1969 a un esercito nazionale di diverse migliaia di combattenti rossi, organizzati in plotoni e compagnie con un arsenale di entrambi i moderni fucili ad alta potenza e armi indigene. In ogni fase, il Partito integra la lotta armata, la rivoluzione agraria e la costruzione di basi.

La rivoluzione democratica popolare è sopravvissuta a tutte le passate amministrazioni fantoccio che hanno cercato e fallito di distruggere il movimento rivoluzionario lanciando offensive strategiche controrivoluzionarie, uno dopo l’altro. Negli ultimi cinque anni, ha costantemente accumulato forza afferrando l’iniziativa per frustrare la guerra di repressione del nemico, specialmente nelle regioni di Mindanao.

Il Partito sta portando avanti la rettifica per superare problemi come il conservatorismo militare, il guerrigliero, il milizianismo, l’incapacità di perseverare nello sviluppare e padroneggiare il plotone come formazione di base e costruire le forze verticali per costruire costantemente capacità annientate, la dispersione delle forze in squadre e squadre oltre lunghi periodi che conducono alla passività e all’eccessiva vulnerabilità, all’annientamento e alla disintegrazione, specialmente in condizioni di intense operazioni nemiche, e debole comprensione del costruire guerriglieri di dimensioni aziendali e fronti di guerriglia interconnessi a dimensione aziendale che sono necessari per garantire l’ampio e profondo supporto di massa per intensificare e sostenuta la guerriglia. Nell’ultimo anno, il numero complessivo di combattenti rossi ha continuato a crescere nonostante le battute d’arresto in alcune aree.

Il popolo filippino e le sue forze rivoluzionarie sotto l’NDFP e il governo democratico popolare sono co-belligeranti con lo stato reazionario nella guerra civile che ha imperversato negli ultimi decenni. Mentre combatteva la guerra popolare, l’NDFP ha ingaggiato il suo avversario nei negoziati di pace negli ultimi 25 anni con lo scopo di creare accordi per risolvere le radici del conflitto armato.

Il Partito è profondamente radicato tra le masse. Ha migliaia di filiali e sezioni in villaggi rurali, fabbriche, università e campus scolastici, comunità urbane, uffici e tra le organizzazioni di massa di lavoratori, contadini, semi-proletariato, minoranze nazionali, giovani, donne, piccoli professionisti e altri.

L’anno scorso, l’adesione del partito è aumentata di diverse migliaia di nuovi membri e quadri. Vi è anche una notevole espansione nel numero di branche del Partito e di organizzazioni di massa rivoluzionarie guidate dal Partito e di attivisti di massa. L’intero partito si ispira al successo del 2 ° Congresso tenutosi l’anno scorso, che ha ulteriormente rafforzato la sua unità e determinazione per far progredire la rivoluzione democratica nazionale a livelli ancora più alti e che ha aggiornato i suoi documenti di base e ha eletto una nuova leadership.

Il Partito aderisce fermamente agli interessi delle classi oppresse e sfruttate di lavoratori e contadini e forgia l’alleanza di base principalmente costruendo il Nuovo Esercito Popolare, conducendo la rivoluzione agraria e costruendo organi locali di potere politico. Costruisce inoltre una progressiva alleanza con la piccola borghesia e un’alleanza patriottica con la borghesia nazionale. Approfitta delle divisioni tra i reazionari per isolare e colpire la fazione più reazionaria.

Il Partito continua a studiare e ad applicare assiduamente il marxismo-leninismo-maoismo a condizioni concrete nelle Filippine. Svolge costantemente indagini sociali e analisi di classe per cogliere le condizioni concrete e le tendenze e i fenomeni emergenti nel modo di produzione filippino e l’allineamento e le relazioni delle forze di classe. Il Partito svolge critiche e autocritiche al fine di correggere gli errori e superare le carenze.

Sotto la guida del Partito, la rivoluzione democratica popolare è andata avanti con successo contro la corrente internazionale di grandi battaglie e rovesci, anche se temporanei, nella rivoluzione socialista, come risultato del tradimento revisionista moderno centrato sui soviet dal 1956 in poi e del neoliberismo imperialista politico e ideologico offensiva dagli anni ’80 in poi.

Il Partito sostiene l’unità internazionale antimperialista e la cooperazione tra le organizzazioni popolari in una crisi capitalista globale sempre più insolubile di sovrapproduzione e condizioni peggiori delle masse lavoratrici e delle classi medie sia nella metropoli capitalista globale che nelle vaste campagne internazionali dei paesi arretrati. Allo stesso tempo, il Partito continua a promuovere il marxismo-leninismo-maoismo e l’unità proletaria internazionale.

IV. Mirare a conquistare vittorie sempre più grandi e far avanzare la rivoluzione

Il Comitato centrale invita tutti i membri del Partito a prepararsi per le più difficili lotte che ci attendono nel mezzo della guerra sempre più spietata condotta dal regime di Duterte diretto dagli Stati Uniti contro il popolo filippino e le loro forze rivoluzionarie. Allo stesso tempo, dobbiamo mirare a conquistare vittorie sempre più grandi andando continuamente in profondità tra la gente e spingendole a resistere ea combattere tutte le forme di lotta contro la tirannia fascista.

Il Partito e tutte le forze rivoluzionarie devono unire il popolo filippino e condurre le loro lotte contro il regime fascista USA-Duterte. Le forze rivoluzionarie devono continuare a ispirare e incoraggiare il popolo per resistere al terrore fascista del regime di Duterte.

Il movimento di massa democratico nazionale ha dimostrato due volte in passato che può causare il rovesciamento di un regime reazionario montando dimostrazioni di centinaia di migliaia o milioni di persone e combinandosi con varie forze sociali e politiche per isolare la cricca reazionaria dominante e costringere le forze armate e la polizia ritira il sostegno. A causa di attacchi brutali e gravi violazioni dei diritti umani, il regime Duterte incita il popolo a combattere, montare manifestazioni e intraprendere tutte le forme di lotta antifascista.

Il Partito e le forze democratiche nazionali devono condurre campagne e lotte per collegare la resistenza antifascista al regime di Duterte con le lotte anti-imperialiste e antifeudali del popolo. Devono denunciare e denunciare l’asservimento di Duterte all’imperialismo USA e fare campagna per la fine della presenza e dell’intervento militare USA nel paese.

Devono anche chiedere la fine delle politiche neoliberali per far crescere le lotte dei lavoratori contro la contrattualizzazione e per gli aumenti salariali, per far avanzare il movimento dei senzatetto per occupare i progetti abitativi inattivi, nella lotta dei guidatori jeepney contro la corporativizzazione dei servizi di trasporto e così via.

Devono esporre i grandi interessi minerari e delle piantagioni straniere che sono alla base della spietata repressione fascista contro i contadini e le minoranze nazionali. Allo stesso tempo, devono continuare a condurre vigorosamente lotte per la riforma agraria a livello nazionale che chiedono lo smantellamento delle fattorie e la demolizione dei cosiddetti accordi di venture capital e accordi simili che negano ai contadini la proprietà e il controllo della terra.

Le forze rivoluzionarie sono profondamente consapevoli che la rimozione dei regimi di Marcos (1986) e Estrada (2001) non hanno rappresentato una rivoluzione sociale, ma hanno permesso alle forze democratiche nazionali di espandersi e acquisire forza. Allo stesso modo, conducendo lotte antifasciste, antifeudali e antimperialiste contro il regime Destro degli Stati Uniti, il Partito e tutte le forze rivoluzionarie devono essere in grado di espandere la loro portata e la loro appartenenza. In particolare, l’Esercito del Nuovo Popolo deve essere in grado di reclutare sempre più combattenti rossi mentre il regime di Duterte si blocca sempre di più sulle vie legali di espressione e lotta democratica e non dà alla gente altro ricorso se non quello di unirsi alla rivoluzione armata.

L’NPA deve intensificare la guerriglia in tutto l’arcipelago, lanciare offensive tattiche contro unità dell’AFP, PNP e paramilitari annessi, nonché operazioni punitive contro i peggiori saccheggiatori e funzionari corrotti, associati politici e criminali e squadroni della morte del regime di Duterte .

Dobbiamo frustrare il piano del regime US-Duterte per sconfiggere l’NPA entro la fine del 2018. Ha lo scopo di farlo concentrando i suoi attacchi prima sui fronti di guerriglia nelle regioni orientali e in altre regioni di Mindanao e poi su Luzon e Visayas.

Sicuramente contrasteremo efficacemente il piano controrivoluzionario del regime USA-Duterte come abbiamo fatto nei passati regimi fantoccio. Dobbiamo guidare fermamente l’NPA nel prendere l’iniziativa, essere bravo nel pianificare e nel raggiungere la fluidità applicando le tattiche di guerriglia di concentrazione, dispersione e spostamento.

I vari livelli di comando dell’NPA dal fronte nazionale fino alla guerriglia devono essere in grado di dirigere e coordinare le unità di guerriglia e le aree sotto la loro responsabilità in modo che ogni unità e area sia guidata e incoraggiata a combattere e contribuire attivamente, secondo alla loro situazione attuale e alla loro capacità, di consegnare ripetuti annientamenti e raccontare colpi contro le forze fasciste dove e quando meno se lo aspettano mentre spingono costantemente il nemico a forzare le parti deboli. Ogni unità e area di guerriglia deve conoscere e fare la sua parte per combattere e sconfiggere la strategia della campagna win-hold-win del nemico.

Possono esserci diversi tipi di coordinamento per realizzare contro campagne di annientamento e logoramento a livello interregionale, regionale e sub-regionale, in particolare in vaste aree con migliaia di barrios e centinaia di migliaia di supporto di massa coperti da fronti di guerriglia interconnessi. Possiamo mirare a far sì che le forze nemiche sfidino eccessivamente, esporre le loro parti deboli o perdere la concentrazione.

Altre regioni al di fuori di Mindanao faranno del loro meglio per realizzare campagne diffuse di annientamento e logoramento in base alla loro forza e capacità, costruiscono più plotoni e compagnie, espandono con coraggio il numero di fronti di guerriglia, crescono e si preparano quando il nemico decide per concentrarsi su di loro.

L’NPA dovrebbe sviluppare unità partigiane e commando per condurre operazioni di sabotaggio contro il sistema di comunicazioni nemico, hardware militare, sistemi di intelligence e forniture e azioni punitive contro obiettivi specifici nelle aree urbane, come i famigerati trasgressori dei diritti umani, funzionari corrotti, signori della droga e altri capi di sindacati criminali ..

Dobbiamo trarre il massimo dalle vittorie nelle offensive tattiche, nel lavoro politico e in altre sfere, impiegando sistematicamente i guadagni per rafforzare ulteriormente la disposizione e lo sviluppo di plotoni e società, forze orizzontali e verticali e fronti di guerriglia di dimensioni aziendali. Dobbiamo sempre prestare attenzione al corretto equilibrio tra consolidamento ed espansione ed essere bravi a progredire ondate su ondate per intensificare e far avanzare la guerriglia in modo sostenuto.

Duterte cerca di usare sofisticate armi fornite dall’esercito americano. Dobbiamo studiare queste armi, le loro capacità e limiti, per adattarsi a loro in modo difensivo e offensivo. Allo stesso tempo, dobbiamo pianificare di distruggere o sequestrare queste armi da usare contro il nemico.

Mentre portiamo avanti il ​​compito di unire il popolo filippino alla resistenza contro il regime di Duterte, guardiamo avanti per celebrare il 50 ° anniversario del ripristino del Partito l’anno prossimo. Facciamo così continuando a svolgere i compiti specificati nel programma triennale (2017-2019) promulgato dal Comitato centrale nel suo primo plenum dopo il Secondo Congresso.

Cerchiamo di raggiungere i nostri obiettivi per il reclutamento del Partito applicando il principio di audace espansione senza lasciare un singolo indesiderabile. Costruiamo più rami del Partito in un numero sempre maggiore di fabbriche, villaggi rurali, comunità urbane, università e così via. Mescola radici profonde tra la gente, difendi i loro interessi e guida le loro lotte.

Dobbiamo condurre instancabilmente il consolidamento ideologico. Devono essere elaborati piani concreti per raggiungere gli obiettivi per il completamento del corso a tre livelli. Cerchiamo di riassumere regolarmente le nostre esperienze a vari livelli e in diverse aree di lavoro.

Formiamo sempre più quadri di partito e promuoviamo giovani quadri conducendo un programma di studio e formazione completo e approfondito. I comitati principali devono iniziare a condurre conferenze di lavoro (sul lavoro militare e sulla costruzione dell’esercito, sull’attuazione del programma minimo e massimo per la riforma agraria, sulle campagne di massa antifeudali, sul lavoro di massa e sulla costruzione di basi ecc.) Per riassumere regolarmente il nostro lavoro e trarre insegnamenti da esperienze positive e negative.

Dobbiamo continuare a schierare un numero crescente di quadri del Partito dalla classe lavoratrice e dai giovani intellettuali urbani all’Esercito del Nuovo Popolo per servire come comandanti rossi e guide politiche del nostro numero sempre crescente di plotoni e compagnie di guerriglia. Gli attivisti perseguitati e dai militari e dalla polizia possono avvalersi della sicurezza dell’NPA. Dobbiamo espandere, rafforzare e approfondire il movimento rivoluzionario principalmente tra i settori di base e le forze intermedie nelle città.

Il Comitato Centrale incarica tutte le commissioni principali di pianificare il 50 ° anniversario del Partito l’anno prossimo. Impegniamoci a riconoscere tutti gli eroi e i martiri del Partito e della rivoluzione delle Filippine. Facciamo una campagna culturale per celebrare le vittorie accumulate della rivoluzione filippina. Prendiamo l’occasione per riassumere l’intera storia del nostro partito di 50 anni, così come la nostra storia recente di 15 anni al fine di tracciare il percorso per far progredire la rivoluzione democratica popolare nei prossimi anni.

Conduciamo una campagna di studio per riaffermare la nostra adesione al marxismo-leninismo-maoismo. Ci deve essere una campagna per studiare e rivedere gli scritti classici di Marx, Engels, Lenin, Stalin e Mao, così come altri grandi maestri comunisti. Facciamo una campagna per celebrare il 200 ° anniversario della nascita di Karl Marx e continuare a celebrare il centenario della Rivoluzione d’Ottobre. Cerchiamo di studiare le esperienze concrete nella costruzione del socialismo e come è stato invertito attraverso il moderno tradimento revisionista. Studiamo la grave crisi capitalista e come una rivoluzione socialista rimane l’unica soluzione.

I reazionari e controrivoluzionari scherniscono il Partito per non essere stato ancora in grado di ottenere la vittoria completa dopo quasi cinquant’anni di lotta per la rivoluzione democratica popolare attraverso la guerra popolare prolungata. Oscurano però il fatto che il sistema dominante semicoloniale e semifeudale nelle Filippine continua a decadere e marcire. Esso è moribondo e deve essere completamente messo al muro attraverso una rivoluzione democratica nazionale.

Maneggiando la sua attuale forza e le vittorie accumulate e sfruttando le condizioni oggettive interne ed internazionali, il Partito è destinato ad accelerare la sua crescita e ottenere maggiori vittorie negli anni a venire.

Punta a vincere sempre più vittorie!
Lunga vita al Partito comunista delle Filippine
Lunga vita al proletariato e alle persone filippine!
Avanzare sulla strada della rivoluzione democratica popolare!
Combatti per il futuro socialista e il fine ultimo del comunismo!

NDFP strongly condemns the Peruvian state’s campaign of persecution against MOVADEF

December 11, 2017 | Español»

The National Democratic Front of the Philippines expresses its firm solidarity with the Movement for Amnesty and Fundamenetal Freedoms of the Peruvian People (MOVADEF). We strongly condemn the campagin of persecution of the Peruvian State against the leaders and members of MOVADEF.

We condemn the plans of the Peruvian state to imprison the leaders of MOVADEF and charge the following with the crime of defense of terrorism and offense against the state: Alfredo Crespo, Manuel Fajardo Cavero, Alberto Mego Marquez and Osvaldo Equivel. They are to made to appear before the National Penal Court on December 13, 2017.

These false charges are based merely on the publication of MOVADEF “General Amnesty”, which only advocates for freedom of the press, freedom of opinion and thought. These are universally recognized rights achieved by the peoples of the world.

This campaign of repression by the Peruvian state is in fact also repression of the fundamental right of the people to organize and their right to political participation.

This campaign of persecution against fundamenetal rights already has indication of being an internationally coordinated one. On November 24, 2017 in Argentina, at an international forum for the liberation of political prisoners in Latin America, two Peruvian lawyers, Percy Mendoza and Alex Puentes were barred from entering and deported by the Argentinian government. Atty. Percy Mendoza is the President of the Direction Commission of the International that organized the said forum.

In Chile, the state prevented the representative delegate of the Mapuche people to travel to Argentina to participate in the International Forum. The Mapuche people wage a persistent struggle for their right to exist as the original people of Chile. They are also fighting for the liberation of their political prisoners.

In Chiapas, Mexico, the indigenous people in their thousands are being forcibly displaced. This brutal repression is a gross violation of their fundamental right to their ancestral land.

In the Philippines, we in the NDFP likewise struggle for the fundamental freedoms of the Filipino people. We firmly oppose the US-Duterte regime and condemn its numerous human rights violations. These include mass murder and extrajudical killings, forced displacement of indigenous people, imposing food blockade, and bombings of schools. Yesterday, International Day of Human Rights, many thousands denounced the US-Duterte regime and called for a broad mass movement of struggle for national and social liberation.

We express our strong solidarity with the leaders and members of MOVADEF and the Peruvian, Chilean, Mexican and other peoples struggling for their fundamental rights.

LUIS G. JALANDONI
Chief International Representative
National Democratic Front of the Philippines


11 de Diciembre del 2017

LA NDFP CONDENA ENERGIDCAMENTE AL ESTADO PERUANO POR LA CAMPAÑA DE PERSECUCIÓN CONTRA EL MOVADEF

El Frente Nacional Democrático de Filipinas expresa su plena solidaridad con el Movimiento por Amnistía y Derechos Fundamentales por la libertades del pueblo peruano, (MOVADEF). Condenamos enérgicament la campaña de persecución del Estado perunao contra los líderes y miembros del MOVADEF.

Condenamos los planes del Estado peruano de querer encarcelar a los líderes del MOVADEF y de acusarlos con el crimen de defender el terrorismo y de ofensa contra el Estado. Alfredo Crespo, Manuel Fajardo Cravero, Alberto Mego Marquez y Oswaldo Esquivel están convocados por la Corte Penal Nacional el 13 de Diciembre del 2017.

Estas acusaciones falsas están basadas solamente en la publicación “Amnistía General” del MOVADEF, que defiende la libertad de prensa, la libertad de opinión y pensamiento. Estos son derechos universalmente reconocidos logrados por los pueblos del mundo.

Esta campaña de represión del Estado peruano es de hecho también represión contra el derecho fundamental del pueblo de organizarse y de su derecho a la participaciónpolítica.

Esta campaña de persecusión contra los derechos fundamentales, también usa una coordinación internacional. El 24 de Noviembre del 2017 en Argentina en el forum internacional por la liberación de los prisioneros políticos de América Latina, prohibieron a dos abogados peruanos, Percy Mendoza y Alex Puentes de ingresar en Argentina y fueron expulsados por el gobierno Argentino. El doctor Percy Mendoza es el Presidente del Comité Directivo de la Coordinara Internacional, que organizó este Forum.

En Chile, el Estado impidió que el delegado del pueblo Mapucha de viajar a Argentina para participar en el Forum Internacional. El pueblo Mapucha libra firme lucha por su derecho a existir como un pueblo originario de Chile. Ellos también luchan por la liberación de los prisioneros políticos.

En Chiapas, Mexico, han sido desplazados por la fuerza miles de pobladores de los pueblos indígenas. Esta brutal represión es un gran violación de su derecho fundamental a su tierras ancentrales.

En Filipinas, nosotros en el Frente Nacional Democrático de Filipinas, luchamos igualmente por la libertades fundamentales del pueblo Filipino. Nos oponemos firmemente al régimen pro EEUU de Duterte y condenamos sus numerosas violaciones de los derechos humanos. Esto incluye masacres masivas, asesinatos extra judiciales, desplacimientos forzados de la población indígena, bloqueo de alimentos, bombardeos de colegios. Ayer el Día Internacional de los Derechos Humanos, miles denunciaron al régime pro norteamericano de Duterte y llamaron a un amplio movimiento de masas por la lucha por la liberación social y nacional.

Expresamos nuestra contundente solidaridad con los líderes y miembros de MOVADEF y los pueblos peruanos, chilenos, mexicanos y otros que lucha por sus derechos fundamentales.

LUIS G. JALANDONI
Director de la Representación Internacional
Frente Nacional Democrático de Filipinas.

‘He will stay in our hearts forever’

I know and realize that Jan played an important role for the Filipino community in the Netherlands. He was touched by your situation and angry with the system in which it is possible for human rights defenders to be treated as criminals and terrorists. The system in which communists are not sure of their lives and have to hide or flee their country. He admired and supported your struggle and the untiring efforts to resume and make the peace talks successful. 

IN CELEBRATION OF THE LIFE, WORKS AND LEGACY OF PROLETARIAN REVOLUTIONARY COMRADE JAN BEENTJES

I had the privilege to get to know Comrade Jan Beentjes in an effort of Filipino comrades to reach the elements that had remained steadfast and militant proletarian revolutionaries from the defunct Communist Party of the Netherlands. We admired how he studied hard and tried to impart Marxism-Leninism to others and how he applied the theory to the concrete circumstances of his country and to international solidarity relations.

On the significance of the Great October Socialist Revolution

Message to the Freedom Road Socialist Organization, October 14, 2017
By Prof. Jose Maria Sison
Founding Chairman
Communist Party of the Philippines

Comrades and friends,

I am highly honored and deeply pleased to convey warmest greetings of solidarity to the Freedom Road Socialist Organization on the occasion of its celebration of the 100th anniversary of the Great October Socialist Revolution and to give some brief remarks on the significance of this earth-shaking revolution.

The epochal struggle between the proletariat and the bourgeoisie was first defined by Marx and Engels in the Communist Manifesto of 1848 in the era of free competition capitalism. The objective conditions of 19th century Europe gave rise to a series of historic events: the workers’ uprisings in 1848, Marxś thoroughgoing critique of capitalism, the International Workingmen´s Association, the Paris Commune of 1871 as prototype of the proletarian dictatorship, the Second International and the rise of Marxism as the main trend in the European working class movement in the last decade of the 19th century.

Lenin extended and developed the theory and practice of Marxism to the stage of Marxism-Leninism in the era of modern imperialism and proletarian revolution. He made significant contributions to Marxist philosophy, political economy and social science. He upheld, defended and advanced the revolutionary essence of Marxism not only against the overt ideologists of the bourgeoisie but also against the classical revisionists headed by Kautsky in the Second International.

Most important of all, Lenin led the Bolsheviks in the overthrow of Tsarism in Russia in February of 1917 and then in the overthrow of the bourgeois Kerensky government on October 25, 1917 in order to establish the first durable socialist state on one-sixth of the surface of the earth. The most crucial element in socialism is the class dictatorship of the proletariat defeating that of the bourgeoisie and nationalizing the land and strategic industries, despite the vestiges of feudalism and medievalism, the exigencies of civil war and resistance to foreign intervention and transitory measures like “war communism” and the New Economic Policy.

Even while he was preoccupied with the immediate tasks of consolidating the Union of Soviet Socialist Republics, Lenin paid attention to the prospective stage of socialist construction and the promotion of the world proletarian revolution through the Third International or the Comintern against the rule of the monopoly bourgeoisie in the centers and periphery of imperialism. After the death of Lenin in 1924, Stalin followed up the New Economic Policy with full scale socialist industrialization and the collectivization and mechanization of agriculture and expanded the work of the Third International, especially to the colonies and semi-colonies where the bourgeois democratic and socialist stages of revolution are well defined.

As a pioneering socialist country, the Soviet Union demonstrated how in so short a time through a series of five-year economic and related plans, the proletariat, peasants and other working people could lift themselves up politically, economically, socially and culturally. In the face of the imperialist powers and the rise of fascism, the Soviet Union was able to strengthen itself in an all-round way and build a powerful Red Army under the leadership of the Communist Party. In World War II, the Allied Powers could defeat the Axis powers because of the decisive role of the Soviet Union in defeating the Nazi German invasion and in rolling back the fascists in an epical counteroffensive.

After World War II, the Soviet Union recovered fast from the destruction wrought by the Nazi German invasion to 75 per cent of Soviet industry and death to 27 million Soviet citizens. It continued to be the bulwark of socialism and the national liberation movements in colonies and semicolonies. It was able to develop its own nuclear weapons in order to counter the US nuclear monopoly and blackmail. It stood as an inspiration to the proletariat and oppressed peoples of the world. Within the first half of the 1950s, one third of humankind lived in socialist countries and people´s democracies led by communist and workers´ parties.

But after the death of the Stalin in 1953, the modern revisionists headed by Krushchov were able to split the followers of Stalin and gain power in the Soviet Union in 1956. They instituted capitalist-oriented reforms within the ruling party, the state and the economy and propagated bourgeois populism and pacifism. Brezhnev took power in 1964, continued the restoration of capitalism, recentralized the ministries, plunged into an arms race with the US and engaged in social imperialism. The Soviet Union went into serious economic stagnation and deterioration from the latter half of the 1970s. By the time of Gorbachov, it was ripe for social disorganization and undisguised restoration of capitalism. It collapsed in 1991.

We are still in the era of modern imperialism and proletarian revolution because the modern revisionists betrayed socialism and succeeded in subverting socialism and restoring capitalism in the Soviet Union and elsewhere, causing a temporary retreat of the socialist cause and preventing socialism from becoming dominant in the world for the time being. However, upon the integration of former socialist countries in the world capitalist system, with Russia and China becoming big capitalist powers themselves, contradictions among the imperialists, between capital and labor, between the imperialists and the oppressed peoples and between the imperialists and countries assertive of independence have intensified more than ever before in what is now a multipolar world.

For a while, from the time of the collapse of the Soviet Union in 1991, US imperialism appeared to be the sole superpower in a unipolar world in which it could impose its will and brute force on the people of the world. But since then, the US neoliberal economic policy and neoconservative policy of full spectrum dominance have resulted in more frequent and worse crises and wars that have in fact undermined and debilitated US imperialism. The strategic decline of US imperialism has accelerated in the 21st century. The US is upsetting the world capitalist system with further crises and wars by desperately trying to reverse the trend. Its former hubris over Francis Fukuyama´s perpetuity of capitalism has turned into anxiety over Graham Allison´s Thucydides Trap.

The October Revolution remains highly significant and urgently relevant today to the proletariat and peoples of the world. It tells us to develop the subjective forces for winning the revolutionary struggle against imperialism and for socialism. We need to build the Bolshevik-type of revolutionary party of the proletariat that has a mastery of materialist dialectics and struggles against imperialism, revisionism and all reaction. Lenin teaches us that it takes a whole historical epoch for socialism to prevail over capitalism on a world scale and Mao also teaches us that in socialist countries there must be continuing revolution under proletarian dictatorship to combat revisionism and consolidate socialism.

Under the leadership of the proletarian party with communist foresight, we need the revolutionary trade unions and the mass organizations of various oppressed classes and sectors of society. We need the Red Guards or the self-defense units of mass organizations and communities and the Red Army or people´s army wherever possible and necessary. We need to build the soviets or the local organs of political power that will become the base of the socialist state. We need the alliances in every country, the anti-imperialist solidarity of peoples and proletarian internationalism. We need to develop all the revolutionary forces and resources for waging all forms of struggle and winning the revolution against imperialism, revisionism and all reaction.###